2019 – Febbraio Verbali (archivio verbali)

VERBALE DEL 6/2/2019

I “social” di Rossana e Sonia.
Pres.18 – Coordina Luisa.

COMUNICAZIONI.
Silvana.  Venticinquennale del genocidio in Ruanda. La “razza”. Tutsi e Hutu. Proposta: filmato su donne ruandesi. Libro sullo sterminio. Docufilm su Netflik. Sterminio e contro sterminio.
Adriana A. Documentario a cura di Alma Terra
Anna J. Mozione dei 5 stelle in Circoscrizione su Corso Marconi.

I “SOCIAL” a cura di Rossana e Sonia.
(Appunti. Definizioni-base. Chiedere relazione completa. )

SOCIAL- Mezzi di comunicazione sociale che utilizzano tecnologie e pratiche in rete, che le persone adottano per condividere testi, immagini, video, informazioni e commenti. Sono quindi reti di utenti in collegamento tra loro. Comunicazione da molti a molti. Comunità virtuali.
Principali: Facebook,Twitter, Instagram, Snapchat

Account : Costruzione di un profilo con dati obbligatori e/o dati anche inventati. Accesso. Ricerca di amici. Followers. Si postano testi, foto commenti di ogni tipo. “Comunicazione di massa. “
Utilità e pericoli. Le più seguite sono le opinioni negative. La macchina del fango.

TROLL- (personaggi della mitologia nordica). nella comunità virtuale sono soggetti che interagiscono con gli altri tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema, senza senso, errati, insultanti. Obiettivo : disturbare la comunicazione, fomentare gli animi. Reti di troll organizzate e sfruttate politicamente. Sistema di comunicazione poco costoso.

BOT – Utenti artificiali. Account finti, generati automaticamente da programmi in vendita su Internet.
BOT-NET – Reti di bot. Spesso, ma non sempre, lo scopo è malvagio. Fomentare gli animi.
Bot politici. I bot possono influenzare l’opinione pubblica, le discussioni politiche, screditare l’avversario, spesso attraverso la disinformazione. Fake–news. Discorsi d’odio. Bot-net in automatico: esistono software generatori di account e software  per smascherare i bot-net. Sistema Egg.

TAY – (Thinking About You) Progetto di intelligenza artificiale, capace di apprendere frasi, concetti e comportamenti nuovi chattando e condividendo post con gli utenti di Twitter.

23/3/2016. Account Twittwer di Tay calibrata su comportamenti  di diciannovenne americana. Restyling di Tay. Successo e fine.

CHAT–BOT. Conversazione tenuta da robot.

Cronache e sospetti.

– Elezioni presidenziali americane2016 – Ingerenza della Russia per favorire Trump? Profili falsi e software per rilanciare in maniera automatizzata messaggi a sostegno di Trump.
– Elezioni britanniche – Interferenze russe per sostenere i laburisti. Mobilitazione di account generati in Russia.
– Referendum sulla  Brexit – Account Twitter russi automatizzati contenenti messaggi a favore di Brexit.
– Elezioni italiane 2018 – sospetti di interferenze russe per sostenere i partiti contrari alle sanzioni europee contro la Russia
– Global Compact – Oggetto di una tempesta di fake. News e attività di troll.

Discussione finale e domande da parte di chi usa e di chi non usa  i social.

Conclusione: Grande utilità, ma molti risvolti negativi e pericoli. Bisogna saperli usare. Non si deve demonizzare.

  VERBALE 13/2/2019 LA  CONFEDERAZIONE EUROPEA DEI SINDACATI

La CES nasce nel 1973 per parlare a nome di tutti i sindacati europei e dei lavoratori affiliati  su occupazione e politica economica e sociale nei 27 stati europei .  Rappresenta 45 milioni di lavoratori.

“La missione della confederazione è quella di creare un’Europa unita fondata sulla pace e sulla stabilità, nella quale i lavoratori e le loro famiglie possano godere pienamente dei diritti umani, civili, sociali e dell’occupazione, nonché di un elevato tenore di vita.

Promuove  un modello sociale europeo : crescita economica sostenibile, condizioni di vita e lavoro sempre migliori, piena occupazione,protezione sociale,pari opportunità,processo decisionale aperto e democratico.

Obiettivo : trasformare gli accordi dei sindacati in direttive  europee vincolanti per tutti gli stati .

Documenti : -Una città . intervista a Marco Cilento, docente alla Sapienza di Roma, consigliere

anziano della CES realizzata da B.Bartoncin e B.Foa. genn. 2019.

-Euronoma. Deficienza del sindacato europeo. articolo di M. Assennato e T. Negri.

Ott. 2015.

  1. Intervista a M . Cilento. 2019

-A cosa serve l’ Europa dal punto di vista dei lavoratori ?

Mobilità, portabilità delle pensioni, protezione in caso di licenziamenti collettivi, parità uomo- donna.

-Quale è il ruolo del sindacato europeo ?

Intenzioni : Maggiori protezioni (tramite direttive)in caso di distacco di lavoratori da un paese all’altro.

Ricupero del ritardo nella contrattazione collettiva. Superamento dei  disequilibri nei salari. Portabilità

del pacchetto di tutele. Protezione dei lavoratori distaccati. Attenzione alla diversità di categorie di

lavoratori.  Realizzazione del  “pilastro sociale” europeo: accesso al mercato e pari opportunità,equità

delle condizioni di lavoro, sistema di protezione sociale .

-Qual è lo stato di salute del sindacato in Europa ?

Direi febbricitante. Non è malato ma non sta neanche tanto bene  …………..

2  )Articolo di Assennato/Negri. “Deficienza del sindacato europeo.”2015

A conclusione del 13° congresso, la CES produce un manifesto contenente le linee generali che rivendica.

Secondo “ Le Monde” la confederazione ha fatto spesso la figura della stella morta nel panorama europeo.

Dal Manifesto emerge più che una piattaforma programmatica, l’elenco dei problemi che le lotte sociali dovrebbero spezzare

La Confederazione Europea dei sindacati :

  • Non ha  capito  la trasformazione radicale che ha investito da almeno un quarantennio la composizione tecnica del lavoro
  • Pare aver dimenticato l’asimmetria tra capitale e lavoro. I conflitti in questo campo non possono essere ricondotti nel diritto civile.
  • Dimostra una paradossale incapacità di immaginarsi fuori dallo schema dello Stato –Nazione.
  • E’ un corpo burocratico pesante.
  • Non ha come interlocutore una confederazione europea del padronato.

In conclusione ,il congresso non è riuscito a fare un passo avanti sui gravi problemi del mondo del

lavoro in un’ottica europea. VERBALE 20/2/2019 pres.16. Daniela segnala le modifiche dl programma 2019 (v.) e ricorda l’incontro con Sergio Durando dell’ASAI  lunedì 25 /2 in biblioteca. Incontro con BAOBAB  e i VOLONTARI  in Madagascar. Massimiliano presenta l’attività e i prodotti di Baobab, commercio equo e solidale. Prodotti biologici , esteri italiani .Arance di Rosarno. Consorzio con “altro mercato” e “libero mondo”. Cacao, zucchero, caffè , thè, da coltivazioni di grandi terreni. Preparazione per Pasqua :cioccolato,uova, colombe. Invito alla prenotazione. Mariade  accenna alle difficoltà attuali per la gestione di Baobab. Poco ricambio di volontari, chiusura di negozi.   La storia : B. nacque 26 anni fa nello storico negozio di via Saluzzo. Iniziative all’esterno con banchetti. Collaborazione con obiettori di coscienza. Organizzazione di eventi. Invito a cercare volontari. Speranza. Relazione e video di “Medici italiani volontari” ,che opera in Madagascar (Anche Tanzania e Kenia) Ambatondrazaka. Piccolo ospedale gestito dalla suore “piccole serve del cuore di Gesù” . Suor Luciana, personaggio centrale.  Interventi soprattutto in campo oculistico. Operazioni di cataratta , spesso su giovani . Medicazioni. Piccoli interventi . Raccolta e distribuzione di farmaci. La vita dei  malgasci. Reddito pro capite: meno di 1 €  al giorno. Mortalità infantile: 12%.  Aspettativa di vita : 55 anni. Moneta : ariari.  1 € =  3800 ariari . Pochi negozi, spesso cinesi. Nessun vero  ospedale ad Ambaton drazaka. Trasporti inesistenti.  Grave problema delle strade. Scolarizzazione discreta. 4 Università in Madagascar. Lingua malgascia e francese, residuo della colonizzazione. La vita e l’attività nel piccolo ospedale Si avvicendano medici volontari italiani. Lavorano anche alla domenica. In 10 anni 1000 operazioni di cataratta. Le suore lavorano specialmente come dispensario. Farmaci e occhiali raccolti in Italia. Gli indigeni che si rivolgono all’ospedale, talvolta pagano una piccola somma simbolica :50 A. VERBALE 28/2/2019 LA CONFEDERAZIONE EUROPEA DEI SINDACATI La CES nasce nel 1973 per parlare a nome di tutti i sindacati europei e dei lavoratori affiliati su occupazione e politica economica e sociale nei 27 stati europei . Rappresenta 45 milioni di lavoratori. “La missione della confederazione è quella di creare un’Europa unita fondata sulla pace e sulla stabilità, nella quale i lavoratori e le loro famiglie possano godere pienamente dei diritti umani, civili, sociali e dell’occupazione, nonché di un elevato tenore di vita. Promuove un modello sociale europeo : crescita economica sostenibile, condizioni di vita e lavoro sempre migliori, piena occupazione,protezione sociale,pari opportunità,processo decisionale aperto e democratico. Obiettivo : trasformare gli accordi dei sindacati in direttive europee vincolanti per tutti gli stati . Documenti : -Una città . intervista a Marco Cilento, docente alla Sapienza di Roma, consigliere anziano della CES realizzata da B.Bartoncin e B.Foa. genn. 2019 -Euronoma. Deficienza del sindacato europeo. articolo di M. Assennato e T. Negri Ott. 2015 1.Intervista a M . Cilento. 2019 -A cosa serve l’ Europa dal punto di vista dei lavoratori ? Mobilità, portabilità delle pensioni, protezione in caso di licenziamenti collettivi, parità uomo- donna -Quale è il ruolo del sindacato europeo ? Intenzioni : Maggiori protezioni (tramite direttive)in caso di distacco di lavoratori da un paese all’altro. Ricupero del ritardo nella contrattazione collettiva. Superamento dei disequilibri nei salari. Portabilità del pacchetto di tutele. Protezione dei lavoratori distaccati. Attenzione alla diversità di categorie dei lavoratori. Realizzazione del “pilastro sociale” europeo: accesso al mercato e pari opportunità,equità delle condizioni di lavoro, sistema di protezione sociale . -Qual è lo stato di salute del sindacato in Europa ? Direi febbricitante. Non è malato ma non sta neanche tanto bene ………….. 2 )Articolo di Assennato/Negri. “Deficienza del sindacato europeo.”2015 A conclusione del 13° congresso, la CES produce un manifesto contenente le linee generali che rivendica. Secondo “ Le Monde” la confederazione ha fatto spesso la figura della stella morta nel panorama europeo. Dal Manifesto emerge più che una piattaforma programmatica, l’elenco dei problemi che le lotte sociali dovrebbero spezzare La Confederazione Europea dei sindacati : – Non ha capito la trasformazione radicale che ha investito da almeno un quarantennio la composizione tecnica del lavoro – Pare aver dimenticato l’asimmetria tra capitale e lavoro. I conflitti in questo campo non possono essere ricondotti nel diritto civile. – Dimostra una paradossale incapacità di immaginarsi fuori dallo schema dello Stato –Nazione. – E’ un corpo burocratico pesante. – Non ha come interlocutore una confederazione europea del padronato. In conclusione ,il congresso non è riuscito a fare un passo avanti sui gravi problemi del mondo del lavoro in un’ottica europea. ————————–